L’International Air Transport Association (IATA) ha annunciato l’arrivo a London Heathrow Airport del primo viaggiatore che utilizza l’app IATA Travel Pass per gestire le proprie credenziali sanitarie di viaggio (leggi anche qui).

“Il successo dell’implementazione di IATA Travel Pass in questo trial con i passeggeri di Singapore Airlines dimostra che la tecnologia può aiutare in modo sicuro, conveniente ed efficiente i viaggiatori e i governi a gestire le credenziali sanitarie di viaggio. Il significato di questo per il riavvio dell’aviazione internazionale non può essere sopravvalutato”, ha affermato Alexandre de Juniac, IATA’s Director General and CEO.

JoAnn Tan, Acting Senior Vice President, Marketing Planning, Singapore Airlines, ha dichiarato: “Le credenziali di salute digitale saranno essenziali con la riapertura dei confini e la progressiva eliminazione delle restrizioni di viaggio in tutto il mondo. L’implementazione di successo dello IATA Travel Pass riflette l’obiettivo di Singapore Airlines di utilizzare soluzioni digitali sicure per verificare le credenziali sanitarie e supportare un’esperienza di viaggio sicura e senza interruzioni per i nostri clienti”.

I passeggeri sui voli Singapore Airlines da Singapore a Londra durante il periodo di prova possono utilizzare IATA Travel Pass per:

– Creare una versione digitale sicura del passaporto sul proprio dispositivo mobile.
– Inserire i dettagli del volo per conoscere le restrizioni e i requisiti di viaggio.
– Ricevere i risultati dei test verificati e una conferma che soddisfano tutti i requisiti di viaggio.

“Il successo di oggi è una grande vittoria per molte parti. Offre ai viaggiatori uno one-stop-shop per aiutarli a rispettare le nuove regole per i viaggi. Mostra che i governi possono gestire in modo efficiente questi requisiti di viaggio con completa fiducia nell’identità del passeggero e nella veridicità delle credenziali di viaggio, cosa importante, evitando lunghe code. Ed è un mezzo costruito appositamente per le compagnie aeree, per gestire i nuovi requisiti di viaggio senza annegare in processi cartacei inefficienti e inefficaci”, ha affermato de Juniac.

“Le compagnie aeree sanno che le loro ground operations si fermeranno se devono gestire i requisiti di viaggio COVID-19 – risultati dei test o certificazioni di vaccazione – con documentazione cartacea. Lo stesso vale per le autorità di frontiera. Il Regno Unito è in anticipo rispetto ad altri governi nella mappatura di un modo per ricominciare i viaggi internazionali su larga scala. Questa prova di concetto reale dovrebbe dare a tutti i governi la fiducia che l’industria dispone di una soluzione digitale praticabile che allevierà la pressione di incorporare i controlli dei certificati sanitari nel processo di viaggio, anche alle frontiere. Questa prova è un’opportunità per noi di lavorare con il governo del Regno Unito per dimostrare che la soluzione funziona e per condividere i risultati con gli altri, mentre costruiamo un sistema robusto ed efficiente che aiuterà il mondo a rimettersi in movimento”, ha affermato Nick Careen, IATA’s Senior Vice President Airport, Passenger, Cargo, Security.

“Per ottenere il massimo beneficio dallo IATA Travel Pass ed evitare confusione e disagio per i passeggeri, la standardizzazione delle certificazioni di test o vaccinazione e la loro accettazione da parte delle autorità è fondamentale. Un recente sondaggio IATA sui viaggiatori ha rilevato che l’89% concorda con la necessità di standard globali e l’80% desidera utilizzare un’app mobile per gestire le proprie credenziali di viaggio.

Venerdì scorso, l’ICAO ha spostato l’istituzione di standard globali per le certificazioni di test / vaccinazioni un passo più vicino alla realtà. I governi devono fornire un certificato di test / vaccinazione COVID-19 digitale quando le persone vengono testate o vaccinate, in modo che abbiano un documento verificabile sul proprio dispositivo mobile. Ciò garantirà l’equivalenza, il riconoscimento reciproco e l’accettazione delle certificazioni COVID-19 per i passeggeri quando viaggiano in tutto il mondo”, conclude IATA.

(Ufficio Stampa IATA)

2021-03-17