United: primo volo di un aereo pieno di passeggeri con 100% Sustainable Fuel

United CFM SAFUnited ha effettuato il primo dicembre un volo senza precedenti che servirà da punto di svolta nello sforzo del settore per combattere il cambiamento climatico: per la prima volta nella storia dell’aviazione, un vettore commerciale ha volato un aereo pieno di passeggeri utilizzando 100% Sustainable Aviation Fuel (SAF).

Gaël Méheust, Presidente e CEO di CFM, afferma: “Più tardi oggi (NdR: primo dicembre), avrò il piacere di contribuire a fare la storia dell’aviazione con United Airlines e altri partner sul primo volo di un vettore commerciale del settore pieno di passeggeri che utilizza 100% sustainable aviation fuel (SAF).

Il volo dimostrativo, che trasporterà più di 100 passeggeri, sarà effettuato su un velivolo Boeing 737-8 con motore CFM LEAP-1B, che utilizzerà 500 galloni di SAF drop-in (completamente compatibile con le flotte di aeromobili esistenti) in un unico motore, mentre l’altro funzionerà con carburante convenzionale. Attualmente, le compagnie aeree possono utilizzare solo una miscela massima del 50% sui voli commerciali. La nostra speranza è di aiutare il settore ad avvicinarsi all’approvazione normativa di 100% SAF.

Il SAF, un carburante alternativo realizzato con materie prime non petrolifere, ha il potenziale per fornire le performance del jet fuel a base di petrolio ma con una frazione dell’impronta di carbonio – fino a una riduzione dell’80% rispetto ai petroleum-based jet fuel durante il ciclo di vita.

Tutti i prodotti CFM sono pienamente compatibili con gli attuali requisiti blended-SAF e l’azienda ha una lunga storia di supporto allo sviluppo di combustibili sostenibili, con test di volo nei nostri motori CFM56 risalenti al 2007.

Il volo è uno sforzo collaborativo tra United, Boeing, CFM, Marathon/Virent e World Energy. È un onore far parte di questo evento storico. Il drop-in SAF è qualcosa che il nostro settore può adottare ora per iniziare a fare breccia nel nostro impegno a ridurre le emissioni nette di carbonio entro il 2050. Insieme alle nostre società madri, GE Aviation e Safran Aircraft Engines, elogiamo United per aver preso questa iniziativa audace e guardiamo avanti in attesa di una cooperazione ancora maggiore in futuro”.

“United continua a guidare il fronte quando si tratta di azioni contro il cambiamento climatico”, ha affermato il CEO di United, Scott Kirby. “Il volo SAF di oggi non è solo una pietra miliare significativa per gli sforzi per decarbonizzare il nostro settore, ma se combinato con l’aumento degli impegni per la produzione e l’acquisto di combustibili alternativi, stiamo dimostrando il modo scalabile con cui le aziende possono unirsi e svolgere un ruolo nel affrontare la sfida più grande della nostra vita”.

Il volo dimostrativo, partito con più di 100 passeggeri dal Chicago’s O’Hare International Airport e diretto al Washington, D.C.’s Reagan National Airport, è stato operato da un nuovo United 737 MAX 8, utilizzando 500 galloni di SAF in un motore e la stessa quantità di jet fuel convenzionale nell’altro motore, per dimostrare ulteriormente che non ci sono differenze operative tra i due e per preparare il terreno per usi più scalabili del SAF da parte di tutte le compagnie aeree in futuro. Attualmente, le compagnie aeree possono utilizzare solo un massimo del 50% di SAF a bordo. Il SAF utilizzato sul volo di oggi è pronto per il drop-in e compatibile con le flotte di aeromobili esistenti.

“Boeing è orgogliosa di supportare United in questo evento storico mentre lavoriamo insieme per rendere l’aviazione più sostenibile”, ha affermato Ihssane Mounir, Senior Vice President of Sales and Marketing, The Boeing Company. “Come industria, ci impegniamo ad affrontare il cambiamento climatico e i carburanti sostenibili per l’aviazione sono la soluzione più misurabile per ridurre le emissioni di carbonio dell’aviazione nei prossimi decenni”.

United ha operato questo volo in collaborazione con Boeing, CFM International, Virent – una sussidiaria di Marathon – la cui tecnologia consente 100% drop-in SAF, e World Energy – il primo e unico produttore commerciale di SAF del Nord America.

“Siamo entusiasti di collaborare con questo gruppo di aziende innovative che stanno aprendo la strada all’aviazione sostenibile”, ha affermato Dave Kettner, presidente e consigliere generale di Virent. “La tecnologia proprietaria di Virent dimostra che il SAF può essere rinnovabile al 100% e compatibile al 100% con la nostra attuale flotta e infrastruttura aeronautica. Siamo orgogliosi di svolgere un ruolo in questo progresso verso i combustibili per aviazione sostenibili”.

“Quando voliamo, ci colleghiamo e la nostra domanda per i collegamenti che l’aviazione rende possibili non farà che crescere”, ha affermato Gene Gebolys, CEO di World Energy. “Ma dobbiamo sviluppare combustibili a prezzi accessibili, ad alta densità energetica e a basse emissioni di carbonio su larga scala ovunque per consentire che tali connessioni siano realizzate in modo sostenibile. Il lavoro pionieristico è il lavoro più duro e United è stata con noi fin dall’inizio. La traiettoria richiederà un enorme lavoro di squadra. Siamo fortunati ad avere partner come United che svolgono questo lavoro e siamo entusiasti di far parte di questo importante traguardo oggi”.

(Ufficio Stampa United – CFM International – Photo Credits: Thomas Vangel – United)