Qantas Group: la crescente domanda di viaggi è alla base della ripresa

Qantas Group è stato in grado di accelerare la riparazione del suo bilancio e prevede di concludere la prima metà del FY22 con una posizione di indebitamento netto sostanzialmente migliore di quella che aveva prima dell’inizio dei blocchi della variante Delta a giugno.

Questo miglioramento è stato reso possibile dalla vendita di $802 milioni di terreni a Mascot e dalle forti vendite che si sono verificate una volta annunciate le date di apertura fisse per i confini internazionali e nazionali.

Anche la continua forza di Qantas Freight e Qantas Loyalty ha contribuito in modo significativo al flusso di cassa.

Complessivamente, questi fattori positivi hanno contribuito a compensare in parte le condizioni commerciali che sono state fortemente depresse per la maggior parte della prima metà del FY a causa dei blocchi prolungati a Melbourne e Sydney e aggravate dalla chiusura delle frontiere in altri stati che hanno ridotto i voli domestici a un minimo di circa il 30% dei livelli pre-COVID.

Sulla base delle attuali previsioni, il Gruppo prevede che il debito netto sarà di circa 5,65 miliardi di dollari entro la fine di dicembre 2021.

I livelli di liquidità continuano a rimanere forti e si prevede che saranno di circa 4,2 miliardi di dollari entro la fine del semestre in corso. Ciò include liquidità per $2,6 miliardi e $1,6 miliardi di linee di debito non utilizzate. Il Gruppo ha mantenuto il rating creditizio Baa2 investment grade.

Sebbene il recente aumento dell’attività di viaggio abbia parzialmente compensato l’impatto materiale dei mesi di blocco, il Gruppo prevede comunque una perdita significativa nel primo semestre. Supponendo che non ci siano ulteriori blocchi o restrizioni di viaggio significative, il Gruppo prevede una Underlying EBITDA loss per la prima metà del FY22 compresa tra $250 milioni e $300 milioni. Una volta inclusi l’ammortamento non monetario e i costi di ammortamento, la 1H FY22 Underlying EBIT loss dovrebbe superare $1,1 miliardi.

Il Gruppo prevede di sostenere ulteriori costi di avviamento nella seconda metà del FY22. Ciò riflette la decisione di riportare tutti i dipendenti con sede in Australia al lavoro prima del previsto e prima della domanda per garantire il mantenimento delle capacità e per porre fine a un lungo periodo di inattività per i dipendenti.

Sia in Qantas che in Jetstar, il Gruppo detiene livelli significativi di prenotazioni domestiche durante il periodo natalizio e le vacanze estive. Con quasi tutti gli stati e i territori ora aperti, Qantas Group prevede che i voli domestici saranno circa il 75% dei livelli pre-COVID entro la fine di dicembre, aumentando a oltre il 100% nel febbraio 2022.

Qantas si è mossa rapidamente per trarre vantaggio dall’apertura più rapida del previsto dei confini internazionali nel Nuovo Galles del Sud e nel Victoria. Le rotte per Londra, Los Angeles e Singapore sono riprese a novembre, consentendo al Gruppo di catturare elevati livelli di domanda repressa. Le prenotazioni sono estremamente forti sulle nuove rotte da Sydney e Melbourne a Delhi a partire da dicembre e le prenotazioni iniziali sul servizio stagionale Perth-Roma recentemente annunciato (leggi anche qui) sono incoraggianti.

C’è stato un calo significativo nello slancio delle prenotazioni per i voli internazionali a causa delle notizie sulla variante Omicron e delle ulteriori restrizioni di quarantena imposte, ma i load factor attuali sono stati mantenuti e l’attività di prenotazione ha iniziato a riprendere.

Nell’ultimo mese il Gruppo ha modificato i tempi di riavvio per alcune rotte, tra cui Giappone, Nuova Zelanda, Hong Kong e Shanghai, in risposta alle restrizioni alle frontiere estese in quei paesi. Il ritorno delle rotte Sydney-San Francisco e Brisbane-San Francisco è stato sospeso.

Qantas Freight ha continuato a beneficiare di una crescita dell’e-commerce e di rendimenti internazionali favorevoli ed è sulla buona strada per realizzare guadagni record nella prima metà del FY22. Questa espansione è alla base del recente annuncio che due A330 saranno convertiti in cargo, in collaborazione con Australia Post, e un terzo A321 convertito sarà aggiunto alla flotta.

Qantas Loyalty continua a registrare una buona performance, generando un significativo flusso di cassa positivo nella prima metà del FY22.

Dopo una dettagliata procedura di gara, Qantas ha selezionato le famiglie Airbus A320neo e A220 per rinnovare l’attuale flotta domestica di jet narrowbody della compagnia aerea. Entrambi i tipi di aeromobili saranno alimentati da motori Pratt & Whitney GTF. Soggetto all’approvazione finale del consiglio di amministrazione, entro la fine del FY22 è previsto un ordine composto da 40 impegni fermi e 94 purchase right options, con flessibilità sui tempi e sul mix di velivoli all’interno di queste due famiglie (leggi anche qui).

Gli aerei inizieranno ad arrivare entro la prima metà del FY24 e le consegne verrebbero distribuite negli oltre 10 anni successivi, quando gli attuali Boeing 737-800 e 717 della compagnia aerea raggiungeranno la fine della loro vita economica.

(Ufficio Stampa Qantas Group)