Airbus: una serie di nuove tecnologie per migliorare sicurezza e performance dei single-engine helicopters

H125 cA Pecchi HAI 2020 day 1Airbus Helicopters punta i riflettori sui miglioramenti recentemente sviluppati per la sua famiglia di elicotteri monomotore, volti a migliorare le prestazioni e la sicurezza del volo.

A seguito della certificazione EASA nell’aprile 2021, la Federal Aviation Administration (FAA) negli Stati Uniti e Transport Canada (TCCA) in Canada hanno recentemente certificato l’ H125 power upgrade, che aumenta le prestazioni dell’aeromobile fino al 10% sfruttando appieno la potenza disponibile del motore Safran Helicopter Engines Arriel 2D esistente. Questa importante evoluzione, che consentirà agli operatori H125 di beneficiare di un carico utile aggiuntivo fino a 320 lb (145 kg) e già proposta come linea di base in Europa, sarà inclusa come caratteristica standard senza costi aggiuntivi su tutti i nuovi H125 consegnati in Nord America a partire da 2° trimestre 2022.

I guadagni diventano ancora maggiori quando il power upgrade è accoppiato al BLR FastFin tail rotor enhancement and stability system, che ha ricevuto la certificazione FAA il mese scorso. Il guadagno cumulativo riguardo il payload è fino a 485 libbre (220 kg).

“Migliorare la sicurezza aerea e al tempo stesso aumentare la competitività dei nostri prodotti è una delle nostre massime priorità in Airbus Helicopters. Con l’H125 che ha alzato il livello in termini di performance e rapporto qualità-prezzo, Airbus Helicopters ha anche lavorato nell’ultimo anno per portare diverse nuove funzionalità che miglioreranno significativamente la sicurezza di volo dell’H125 e dell’H130″, afferma Axel Aloccio, Head of Light Helicopters Program, Airbus Helicopters.

Tra le nuove tecnologie di miglioramento della sicurezza, un nuovo light data recorder sarà disponibile come equipaggiamento opzionale per gli operatori H125 nell’ultimo trimestre 2022 e successivamente per gli operatori H130; rinforzato e leggero, questo sistema registrerà i dati di volo in modo che tutte le informazioni possano essere recuperate in caso di incidente.

Parallelamente, tutti i forward-fit H125 e H130 saranno dotati, rispettivamente entro la fine del 2022 e all’inizio del 2023, di un wireless airborne communication system (wACS) di Astronautics Corporation of America come equipaggiamento di base. Questo sistema consentirà agli operatori H125 e H130 di recuperare automaticamente i dati di volo, missione e manutenzione tramite una connessione 4G o WiFi. Avranno anche accesso ai servizi connessi di Airbus Helicopters come la manutenzione predittiva FlyScan e il monitoraggio dei dati di volo Flight Analyzer. Inoltre, il sistema avrà la possibilità di fungere da server di bordo per interconnettere i dispositivi e fornire ai passeggeri e all’equipaggio air-to-air and air-to-ground internet on board.

Airbus Helicopters annuncia anche l’estensione di una serie di incentivi commerciali nel 2022 per supportare i clienti H125, AS350 ed EC130 B4 con il retrofit delle loro flotte con il Crash Resistant Fuel System (CRFS).

Essendo l’addestramento un altro elemento chiave della sicurezza del volo, Airbus Helicopters e VRM Switzerland hanno finalizzato un accordo di partnership per il primo simulatore di realtà virtuale H125 al mondo, un dispositivo di addestramento full-motion piccolo e leggero che utilizza un visore per realtà virtuale.

Ultimo ma non meno importante, sul lato H130, un nuovo Instrumental panel è disponibile dal primo trimestre 2022. Dotato di un nuovo touchscreen main flight display Garmin G500H TXi più grande e più luminoso, radio com/nav GTN650Xi, electronic standby instrument EFD 750, un vano portaoggetti nel pannello di controllo, un supporto pieghevole per iPad e prese USB, questo nuovo cockpit fornirà ai piloti un’interfaccia uomo-macchina notevolmente migliorata e alleggerirà il carico di lavoro del pilota.

Airbus ha annunciato nei giorni scorsi altri accordi e ordini.

Airbus partner con Spirit AeroSystems per sviluppare le ali di CityAirbus NextGen

Airbus ha firmato un accordo con Spirit AeroSystems attraverso la propria filiale per lo sviluppo delle ali di CityAirbus NextGen. Spirit AeroSystems sarà responsabile dello sviluppo e della produzione delle ali di CityAirbus NextGen a Belfast, in Irlanda del Nord. L’ambizione di entrambi i partner è quella di raggiungere una soluzione dal peso minimo garantendo al contempo i più elevati livelli di sicurezza.

“La partnership con Spirit AeroSystems è un passo importante per lo sviluppo di CityAirbus NextGen e le sue ali sono componenti strutturali chiave per l’efficienza del volo”, ha dichiarato Jörg Müller, Head of Urban Air Mobility (UAM) di Airbus. “Per costruire questo veicolo, siamo orgogliosi di lavorare con Spirit in qualità di partner strategico, che beneficia di comprovate competenze in questo campo e di una vasta esperienza nella qualità dei componenti e nell’aeronavigabilità”.

Il CityAirbus NextGen, completamente elettrico, è un prototipo eVTOL dotato di ali fisse, una coda a forma di ‘V’ e otto eliche alimentate elettricamente come parte del suo sistema di propulsione distribuito. Il CityAirbus NextGen è stato sviluppato per volare con un raggio operativo di 80 km e per raggiungere una velocità di crociera di 120 km/h, rendendolo perfettamente adatto a una varietà di missioni. Airbus sta sviluppando una soluzione UAM con eVTOL non solo per offrire un nuovo servizio di mobilità nelle aree urbane e oltre, ma anche come un passo importante nella ricerca volta a ridurre le emissioni del trasporto aereo nell’intera gamma dei propri prodotti.

Boston MedFlight ordina il suo primo five-bladed H145

Boston MedFlight ha appena firmato un ordine per il suo primo five-bladed H145 helicopter nell’ambito di un progetto di rinnovo ed espansione della flotta per supportare una crescente necessità di trasporto nel New England.

“L’H145 è stata una piattaforma collaudata ed efficiente per noi per effettuare voli salvavita critici quando il tempo è essenziale e non vediamo l’ora di migliorare ed espandere le nostre capacità con l’aggiunta della nuova variante H145 alla nostra flotta”, ha affermato Maura Hughes, CEO di Boston MedFlight. “La potenza, la stabilità, le grandi dimensioni della cabina e la flessibilità di questa piattaforma ci consentono di fornire assistenza ai nostri pazienti in volo, sapendo anche che possiamo trasportare tutte le attrezzature necessarie per qualsiasi emergenza medica si presenti. Ringraziamo Airbus per il supporto e non vediamo l’ora di iniziare le operazioni con questo nuovo H145″.

L’acquisto del nuovo H145 a cinque pale fa parte di un programma di rinnovamento e espansione della flotta in corso. Boston MedFlight prevede anche di adattare la loro attuale flotta alla variante a cinque pale nel prossimo anno.

“Boston MedFlight sarà il primo operatore medico aereo negli Stati Uniti a prendere in consegna un nuovo five bladed H145 e siamo estremamente orgogliosi di supportare il lavoro essenziale e salvavita che svolgono ogni giorno”, ha affermato Romain Trapp, President of Airbus Helicopters, Inc. and head of the North America region. “L’H145 è uno strumento fantastico per qualsiasi operatore che ha bisogno che il proprio elicottero sia un vero ospedale volante o terapia intensiva. Siamo grati a tutto il team di Boston MedFlight per aver continuato a riporre la propria fiducia in Airbus e li ringraziamo per essere un cliente di così lunga data”.

Questo ultimo aggiornamento dell’H145 multi-missione aggiunge un nuovo e innovativo five-bladed rotor system, aumentando il carico utile dell’elicottero di 330 libbre (150 kg), semplificando le operazioni di manutenzione e migliorando il comfort sia per i passeggeri che per l’equipaggio.

Ecocopter ordina tre H125 e un H145

Ecocopter ha ordinato tre H125 e un H145 da utilizzare per missioni di lavoro aereo in una varietà di settori industriali. Gli elicotteri saranno consegnati rispettivamente entro la fine del 2022 e la metà del 2023 e si uniranno alla flotta di 18 elicotteri di Ecocopter, composta esclusivamente da aeromobili Airbus, che effettuano operazioni in Cile, Perù ed Ecuador.

(Ufficio Stampa Airbus – Photo Credits: Anthony Pecchi – Airbus Helicopters)

 

2022-03-19