Boeing: dichiarazione dopo il rilascio del preliminary report riguardo l’incidente Ethiopian Airlines Flight 302

Tempo di lettura: 2 minuti

In seguito al rilascio oggi del preliminary investigation report da parte dell’Ethiopian Accident Investigation Bureau (AIB) riguardo l’incidente dell’Ethiopian Airlines Flight 302, il presidente e CEO di Boeing Commercial Airplanes, Kevin McAllister, ha dichiarato: “Ribadiamo le nostre più sentite condoglianze alle famiglie e alle persone care di coloro che hanno perso la vita nell’incidente. Ringraziamo l’Ethiopia’s Accident Investigation Bureau per il suo duro lavoro e gli sforzi costanti. Comprendere le circostanze che hanno contribuito a questo incidente è fondamentale per garantire voli sicuri. Esamineremo attentamente il preliminary report dell’AIB e prenderemo tutte le ulteriori misure necessarie per migliorare la sicurezza dei nostri aerei”.

Boeing continua nel suo comunicato: “La sicurezza è un valore fondamentale per tutti in Boeing e la sicurezza dei nostri aeroplani, dei passeggeri e degli equipaggi dei nostri clienti è sempre la nostra priorità assoluta. Gli esperti di Boeing continuano a collaborare a questa indagine e team di livello aziendale stanno lavorando per apprendere dall’incidente del Lion Air Flight 610 in ottobre”.

“Il preliminary report contiene informazioni dai flight data recorder che indicano che l’aeroplano ha avuto un angle of attack sensor input errato che ha attivato la Maneuvering Characteristics Augmentation System (MCAS) function durante il volo, come durante il volo Lion Air 610. Per garantire che l’attivazione non intenzionale del MCAS non si verifichi di nuovo, Boeing ha sviluppato e sta pianificando di rilasciare un software update per il MCAS e un pilot training and supplementary education program associato per il 737 MAX. Come annunciato in precedenza, l’aggiornamento aggiunge ulteriori livelli di protezione e impedirà che dati errati causino l’attivazione del MCAS. I Flight Crews avranno sempre la possibilità di scavalcare il MCAS e controllare manualmente l’aereo”, prosegue il costruttore.

“Boeing continua a collaborare con la U.S Federal Aviation Administration e altre agenzie di regolamentazione in tutto il mondo per lo sviluppo e la certificazione del software update e del training program. Boeing inoltre prosegue a lavorare a stretto contatto con l’U.S. National Transportation Safety Board (NTSB) come consulente tecnico a sostegno dell’indagine AIB. Essendo una parte che fornisce assistenza tecnica sotto la direzione delle autorità investigative, Boeing, per il protocollo internazionale e i regolamenti NTSB, non può divulgare qualsiasi informazione relativa alle indagini. In conformità con il protocollo internazionale, le informazioni sull’indagine sono fornite solo dalle autorità investigative incaricate”, conclude Boeing.

(Ufficio Stampa Boeing – Photo Credits: The Boeing Company)