E’ durato poco meno di 4 ore il volo inaugurale di una macchina che, secondo Boeing, dovrebbe segnare una nuova pietra miliare nell’aviazione: il Boeing 777X; i 2 test pilots, decollati da Everett hanno dapprima portato il velivolo su un’area scarsamente abitata dello Stato di Washington dove sono stati condotti i test dei sistemi previsti, poi il B777 è stato portato a compiere un giro di circa 270° attorno al Monte Rainier prima che i piloti si dirigessero verso lo scalo di Boeing Field dove l’atterraggio è avvenuto senza alcun problema.

Il 777X si basa sul 777 e sul 787 Dreamliner, consente il 12% in meno di consumo di carburante e costi operativi più bassi del 10% rispetto agli aerei competitor.

Il 777X raggiungerà prestazioni di tutto rilievo grazie all’introduzione delle più recenti tecnologie come il motore commerciale a più basso consumo di sempre, il GE9X, e un’ala in composito totalmente nuova di quarta generazione progettata per garantire portanza ed efficienza. Grazie all’aggiunta di un set di wingtip ripiegate e rastrellate, l’apertura alare dell’aereo raggiunge i 72 metri.

Con l’aggiunta delle wingtip ripiegate, l’apertura alare del 777X è stata ampliata per rafforzare l’efficienza aerodinamica dell’ala e per ridurre la spinta del motore e il consumo di carburante. In aggiunta, le wingtip così ripiegate consentono al 777X di mantenere la compatibilità aeroportuale con l’esistente famiglia 777, aggiungendo valore per i clienti.

La famiglia 777X già oggi può contare su un portafoglio ordini di quasi 350 esemplari nelle varie configurazioni previste.

(Fabrizio Ripamonti | immagini del velivolo estratte dal live streaming)